E’ attivo il nuovo sportello SOL di orientamento al lavoro in Camera del Lavoro di Ferrara (Piazza Verdi, 5), un’iniziativa confederale che spazia su un terreno non tradizionale per la nostra organizzazione: il non lavoro. Lo sportello nasce da una lunga fase di preparazione di riorganizzazione delle competenze interne ed una integrazione dei servizi di tutela e rappresentanza già esistenti in Cgil. Lo sportello SOL si rivolge a chi è svantaggiato dal punto di vista occupazionale e aspira a dare stabilità alla propria vita professionale, inoccupati, disoccupati ma anche lavoratori precari e/o discontinui. “Crediamo che il lavoro libero, regolare e contrattualizzato -afferma Riccardo Grazzi della segreteria confederale della Cgil di Ferrara- sia il luogo elettivo di espressione della dignità di sé e dimensione attraverso la quale si conquista riconoscimento sociale e cittadinanza. Sono cambiati i rapporti di forza nella società e sempre più è la società che influenza e condizione il lavoro e non viceversa, come nel passato, ma esso continua ad essere centrale per l’esperienza di vita delle persone. Per tale ragione, la condizione di chi il lavoro lo possiede o di chi avverte il rischio di venirne deprivato, deve sollecitare un sindacato come la Cgil a intensificare le azioni per rappresentare quella istanza che richiede da subito una risposta identitaria e quindi di natura esistenziale e sociale”. Non si prescinde che manca il lavoro per tutti: altresì sono gravemente insufficienti i servizi per il lavoro, le politiche attive, la formazione permanente, l’investimento personale sulla formazione. Con SOL intendiamo informare per formare: le persone che verranno al nostro sportello ci aiuteranno a compiere l’analisi del bisogno di cui sono portatori e solo dopo appronteremo l’orientamento negli ambiti del diritto: lavoro-suola-formazione-protezioni sociali-legislazione. SOL attingerà dalla rete territoriale per il lavoro nell’ambito provinciale composta da soggetti istituzionali e privati, accreditati con compiti specifici in tema di formazione. Con SOL si vuole fornire, tra gli altri obiettivi, sostegni pratici per la costruzione di un progetto professionale che aiuti la persona a definire le proprie caratteristiche e le proprie capacità, per accompagnare e motivare le persone e i lavoratori nei momenti difficili di transizione, quando sono senza impiego e lo stanno cercando, con tutte le azioni e le tutele individuali che la Cgil di Ferrara offre a tutti dentro e fuori i luoghi di lavoro, dentro e fuori il mercato del lavoro. “Con SOL vorremmo- ha prosegue Grazzi- far ripartire la vita professionale: è un progetto ambizioso. Vorremmo non portare un cambiamento ma creare le condizioni perché il cambiamento avvenga”.
Lo sportello sarà aperto a pubblico libero il lunedì dalle ore 10 alle ore 12,30, il giovedì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 ed il sabato dalle ore 10 alle ore 12 solo su appuntamento con attività che spaziano dal check up professionale e la codificazione dell’obiettivo lavoro, più vicino all’idea di realizzazione, agli strumenti di comunicazione (curriculum, lettere di presentazione, video cv) e di preparazione per affrontare delle selezioni di lavoro, la capacità di pianificare e gestire le ricerca di contatti e di opportunità di lavoro con strategia, metodo e costanza.
Per appuntamenti, chiamare negli orari indicati di apertura dello sportello allo 0532 783253 oppure scrivere a: sol.fe@er.cgil.it.